La Madonna del Giorno (1-2 Febbraio 1581) – IMMACOLATA DI COPACABANA – COCACABANA (BOLIVIA)

1 FEBBRAIO – IMMACOLATA DI COPACABANA
COCACABANA (BOLIVIA)

Tra i passeggeri di una nave dispersa in una tempesta vicino a Rio de Janeiro, alcuni pellegrini brasiliani sono tornati da una visita al santuario della Vergine di Copacabana in Bolivia. Invitarono la Vergine a intercedere per loro e furono sbarcati sani e salvi sulle coste brasiliane. In segno di gratitudine, hanno chiamato lo spot Copacabana – e da allora è diventato uno dei resort in Brasile preferiti del mondo.

In Bolivia, tuttavia, incanta una meravigliosa storia di fede e amore. Racchiuso da bellissime montagne in pendenza che si affacciano sull’azzurro del Lago Titicaca, si trova la piccola insenatura chiamata Sepa-cabana o Copacabana. Il nome significa “colui che guarda la pietra preziosa”, perché in lontananza, bello da vedere, si estende la maestosa collana di ghiaccio della Cordigliera delle Ande. In questo luogo, ai tempi dell’Impero Inca, vivevano bravi indiani il cui unico compito era quello di prepararsi per i viaggi dei fedeli all’Isola del Sole, alcune miglia sul lago. Copacabana, di conseguenza, divenne il centro di molte attività di Incaion, poiché gli Incas erano fanatici nelle loro visite al santuario dell’isola.

I missionari che arrivarono con i conquistatori spagnoli piantarono naturalmente la croce in tutti i grandi centri Inca e una chiesa fu costruita a Copacabana. Era dedicato a Sant’Anna. Tuttavia, la Madre della Beata Vergine sembrò disapprovare questo onore, perché la città cadde presto in discredito e i raccolti furono poveri. Molti indiani si allontanarono finché rimasero solo poche anime. Quelli che erano rimasti credevano che se la città fosse dedicata a qualche altro santo, la città potesse prosperare; ma l’accordo sull’identità del nuovo mecenate non potrebbe mai essere raggiunto.

Nell’anno 1581, un giovane ragazzo indiano, Francisco Yupanbi, desiderava ardentemente che la sua città fosse dedicata alla Madonna. In segreto iniziò a costruire una statua della Vergine col Bambino da presentare al villaggio. Per più di un anno ha lavorato giorno e notte. Quando ha chiamato i cittadini per vedere il risultato, hanno riso di lui con disprezzo, perché Francisco non sapeva nulla di arte, e la sua statua lo ha dimostrato. Imperterrito, ma bruciante con il desiderio di portare a termine il compito, i giovani andarono a visitare tutte le grandi città della Bolivia per studiare sotto i maestri che stavano decorando chiese e monasteri.

Finalmente dopo mesi di delusioni e successi, finì il suo travaglio d’amore, Nostra Signora di Copacabana – una Vergine con tutti i tratti della sua stessa razza, tra le sue braccia un neonato non diverso dalle migliaia di bambini indiani che Francisco aveva conosciuto così bene . Chiamò i suoi insegnanti e altri artisti e rimasero sbalorditi; aveva creato una vera opera d’arte; ma per lui fu un lavoro d’amore, che rappresentava la sua “Piccola Madre”, la Vergine che poteva salvare la sua città natale di Copacabana. Si affrettò con il suo prezioso fardello a casa sua; ma quando arrivò, fu accolto da una delegazione di cittadini, che era venuto a cacciare lui e il suo sciocco pezzo di gesso.

Ma la Vergine, Nostra Signora di Copacabana, sorrise a Francisco; quando la scatola fu aperta, l’atteggiamento ostile cambiò; quando videro l’amore che era stato colto in faccia alla Madonna, accolsero Francisco e il suo caro fardello per la città. Ci furono presto molti miracoli attribuiti alla devozione alla nuova statua di Nostra Signora di Copacabana. Il calore dell’amore inghiottì Copacabana e presto fu costruita una chiesa per la Madre e il suo bambino. Gioielli di devoti lontani si riversarono nel santuario per adornare la Madonna di Copacabana; pellegrini lontani sono venuti giorno dopo giorno.

Francisco entrò in un monastero dove morì felice e santo. Molte leggende sono cresciute attorno alla sua statua; si dice che se la guardi e la pensi bella, questo è un segno che sei a suo favore; se no, la tua anima è brutta. Molte guarigioni e miracoli sono stati attribuiti a questa Vergine, la più grande, quella della fede – lei si erge come monumento della fede di Francisco Yupanbi e alla fede dei milioni di indiani che lo hanno seguito; di poveri e ricchi, potenti e umili, che hanno venerato questo semplice pezzo di argilla che ricorda loro la loro “Mamita”, la piccola Madre di tutti. La Beata Vergine Maria è la patrona della Bolivia, e il santuario di Nostra Signora di Copacabana è uno dei più antichi santuari delle Americhe.

Tratta e tradotto in italiano dall’inglese

http://www.roman-catholic-saints.com/our-lady-of-copacabana.html

e gran parte di questa storia è dal libro “The Woman in Orbit” Mary’s Feast Everyday Everywhere . scritto da Sis. Lamberty ed. 1966

https://archive.org/details/womaninorbitmary00lamb

————————————————————————————————————————————-
Frase di Papa Francesco

“La Vergine Immacolata intercede per noi in Cielo come una buona madre che custodisce i suoi figli. Maria ci insegni con la sua esistenza che cosa significa essere discepolo missionario.”

Discorso pronunciato dal Papa durante l’Angelus sul Lungomare di Copacabana – Viaggio Apostolico a Rio de Janeiro per la XXVIII Giornata Mondiale della Gioventù, 28/07/2013