La Madonna del Giorno (1 Luglio ) – LA NOSTRA SIGNORA DEL PREZIOSISSIMO SANGUE

Ogni grazia soprannaturale che viene all’umanità dopo la Caduta di Adamo, scaturisce dal sacrificio sanguinoso di Cristo sulla Croce. Dio onnipotente avrebbe potuto fare qualche altro modo, ma in effetti, Egli ha richiesto lo spargimento sacrificale del Sangue di Cristo per la restaurazione dell’uomo caduto nell’ordine della grazia. Il sanguinoso sacrificio è il prezzo che Dio ha richiesto; è il prezzo pagato dal Redentore. A questo sanguinoso sacrificio, la Beata Vergine ha una relazione molto intima e singolare a causa della quale possiamo giustamente chiamarla MADONNA DEL PREZIOSISSIMO SANGUE.

Per un sacrificio in senso stretto, deve esserci un sacerdote che offre e una vittima che viene offerta. Nel Sacrificio della Redenzione, Cristo stesso è sia il sacerdote che la vittima. La venuta stessa del Redentore come Sacerdote e Vittima e quindi anche i frutti del Suo Sacrificio, dipendevano da questo Il consenso e la cooperazione di Maria.

Al tempo dell’Annunciazione ella diede il suo consenso a diventare la Madre di Gesù, cioè di Colui che “doveva salvare il Suo popolo dai suoi peccati”. Doveva salvarli nel modo in cui Dio aveva predeterminato, cioè, Tutta la sua vita, ma soprattutto da Suo sanguinoso sacrificio. “Sia fatto per me secondo la tua Parola”, è la risposta di Maria all’Angelo. Così ha dato il suo consenso a tutti gli eventi della sua vita, compreso il sanguinoso sacrificio, almeno implicitamente all’Annunciazione ed esplicitamente come il piano di Dio si è dispiegato. Non è la madre di un figlio che è diventato un sacerdote indipendentemente da lei dopo la sua nascita, poiché Gesù è stato concepito come un sacerdote. Come sacerdote è nato ed è stato nutrito, vestito e protetto da Maria. Ma questo Sacerdote è anche la vittima. Quindi, come solo sua madre poteva, Maria preparava il sacerdote e la vittima per il sanguinoso sacrificio della redenzione. Con Lui ha anche offerto il Sacrificio condividendo il Suo dolore e la sua sofferenza unendo perfettamente la sua intenzione con la Sua e rassegnandosi perfettamente alla volontà del Padre.

Inoltre, come Dio chiamò Maria ad essere intimamente e unicamente associata al suo Figlio Sacerdotale nell’acquisire la grazia, Egli la associò anche a Lui nella dispensazione della grazia. Questo fatto è sinteticamente espresso dal Santo Padre quando scrive: “A motivo di questa comunione e dolore tra Maria e Cristo, lei meritava di essere chiamata giustamente la restauratrice di un mondo perduto e quindi l’amministratrice di tutti i doni che Gesù aveva guadagnato per noi con la sua morte e il suo sangue.

Da allora, Maria ha preparato il Sacerdote e la Vittima per il sanguinoso Sacrificio della Redenzione; poiché con Lui ha offerto questo sanguinoso Sacrificio; e poiché con Lui dispensa le grazie meritate da questo Sacrificio Sanguinario, possiamo chiamarla molto LA MADONNA DEL SANGUE PREZIOSISSIMO.

Fioretto: Iniziamo questo mese di Luglio dedicato al preziosissimo sangue ringraziando Gesù e Maria per il dono del loro sangue e lacrime.

Fonte:

http://www.ourladysrosarymakers.com/Marysfeastsjuly.html