La Madonna del Giorno (12 Agosto) – NOSTRA SIGNORA DEL BOSCHETTO, CAMOGLI, GENOVA, ITALIA

La Storia

Angela Schiaffino con la Madonna


Anno del Signore 1518, poche case sparse rompevano la monotonia della valle di Ruta, che in parte era coltivata ad uliveti e vigne, e parte era ancora ricoperta da boschi, dei quali uno bellissimo e non vasto ombreggiava in mezzo alla valle. Nel Boschetto appunto, vi erano un tempo castagni, roveri e olmi. Dove si congiungevano tre vie vi era una edicola con una tavola raffigurante la Madonna con in braccio il Bambino Gesù. Si ignora come e da chi fu esposta e dipinta. Davanti al capitello si fermavano per recitare preghiere pochi passanti, in maggior parte contadini. Fra i più assidui vi era una pastorella dodicenne di nome Angela Schiaffino, la quale, il giorno 2 del mese di Luglio, sostò come sempre a rivolgere un pensiero davanti a quel Quadro. Assorta nella preghiera le apparve improvvisamente una bellissima Signora, la quale le manifestò il desiderio che si rendesse interprete di una sua aspirazione. Detta donna disse che doveva dire al popolo che in tal luogo si sarebbe dovuta fabbricare una Chiesa. Ma detta figlia disse che nessuno le avrebbe creduto. 

Allora la Beata Vergine le fece un segno sul palmo della mano, precisamente una M che al tempo si usava raffigurare in carattere gotico, presentando agli occhi del popolo molta somiglianza con un ferro di cavallo, e altrettanto fece su di una grossa pietra che si trovava li vicino, indicando in tal maniera il sito dove si sarebbe dovuto costruire il Santuario e il Monastero.
Tutti i Camoglini sono grati alla dolce Regina del cielo, che non una sola volta ha rotto con la sua luce le ombre opache del Boschetto, che ben potevano simboleggiare le tenebre del nostro intelletto, e ha santificato con le sue molteplici Apparizioni questa terra, che deve perciò allietarsi del sorriso dei giusti.

Santuario all’interno
Ex-Voto dei Marinai
Santuario all’esterno

 

 

 

 

 

VIDEO VISITA DEL SANTUARIO:

PREGHIERA ALLA MADONNA DEL BOSCHETTO

Augusta Regina del Cielo, Vergine Maria, Madre di Dio, poiché Ti piacque porre in mezzo a noi il trono delle Tue Misericordie, e l’umile fanciulla Angiola Schiaffino volesti fortunata messaggera dei Tuoi disegni, dal venerato Santuario che la pietà degli avi nostri Ti eresse, ove schiudesti a noi una fonte di grazia perenne, la Tua Camogli guarda e proteggi, che in Te ha riposta la sua fiducia, la sua gioia, il suo vanto. Grati ai tanti benefizi che ci hai largiti, prostrati ai piedi del Tuo benedetto altare, ancor Ti preghiamo, o Madre, che ognora più copiosi versi su di noi i tesori del Tuo tenerissimo Cuore. Tu impetri benigna alle famiglie nostre la benedizione e la pace, ai nostri naviganti propizio il mare e i venti, alla Città nostra prosperità e decoro, nella purezza del costume, nell’ardore della pietà e nell’aspirazione perenne ai beni del cielo, dove eternamente ci farai beati del Tuo materno sorriso. Tu che in terra ne sei nel dolore conforto, nelle ansie speranza, nei pericoli del corpo e dello spirito rifugio e salvezza. Amen Cosi sia.

 

FONTI:

http://www.latheotokos.it/programmi/FESTE_MARIANE/1—15-agosto.html

http://www.mariadinazareth.it/apparizione%20camogli.htm

http://www.mariadinazareth.it/apparizione%20camogli.htm

http://www.mariadinazareth.it/apparizione%20camogli.htm