La Madonna del Giorno (23 Marzo) – Nostra Signora del Capo o Notre-Dame-du-Cap (Québec – Canada)

Regina del Santo Rosario – Regina della Canada

La statua di Nostra Signora del Capo, vista nell’immagine opposta, fu donata al Santuario di Cap-de-la-Madeleine, nel Québec, nel 1854, lo stesso anno della proclamazione del dogma dell’Immacolata Concezione. Abbiamo quindi festeggiato nel 2004, il 150 ° anniversario di entrambi gli eventi. Questa stessa statua è ancora venerata nel Santuario oggi.

Il santuario di Nostra Signora del Capo o Notre-Dame-du-Cap si trova sul fiume St. Lawrence nella città di Cap-de-la-Madeleine (Québec), a metà strada tra Montreal e la città di Québec. È uno dei santuari più visitati del Canada, poiché è dedicato a Nostra Signora del Rosario, Regina della Canada. La storia di questo santuario mostra che quando i fedeli abbandonano la pratica del Rosario, tutto crolla nelle famiglie e nella società. Come dice Papa Giovanni Paolo II, dobbiamo tornare alla pratica della recita quotidiana del Rosario nelle famiglie, per la sopravvivenza delle persone e delle nazioni.

Sfondo storico

L’esploratore francese Jacques Cartier, navigando nel maestoso fiume San Lorenzo, nel 1535, aveva piantato la Croce di Cristo su una delle isole del fiume San Maurizio, che separa le attuali città di Trois-Rivières (Tre fiumi) e Cap- de-la-Madeleine. Era il 7 ottobre, che doveva essere proclamato pochi anni dopo, da Papa Pio V, la festa del Santo Rosario.

Il maestro Jacques de la Ferté, un sacerdote di St. Marie Madeleine di Chateaudun, in Francia, e membro della “Società dei Cento Associati” (Company of the One Hundred Associates), ricevette un pezzo di terreno chiamato Capo di Trois-Rivières. Nel 1651, il Maestro de la Ferté diede ai padri gesuiti, i primi missionari della zona, un territorio, chiedendo loro di stabilire lì un centro di missioni per i nativi che vi si recavano ogni anno per commerciare pellicce. In ricordo del primo proprietario, i gesuiti chiamarono il posto Cap-de-la-Madeleine.

La piccola chiesa di pietra, costruita nel 1720, esiste ancora oggi. È la chiesa più antica conservata nella sua integrità in Canada. Nella parte posteriore della piccola chiesa si vede la nuova Basilica di Nostra Signora del Rosario, costruita nel 1964. (vedi foto)

Nei primi anni, questa terra fu benedetta con il passaggio di Fathers Brebeuf, Daniel, e Lalemant – tre degli otto martiri nordamericani, canonizzati nel 1930. Per 18 anni, padre Jacques Buteux fu il principale apostolo di questo insediamento, e fu martirizzato lì dagli Irochesi nel 1652.

Nel 1659, una piccola cappella di legno fu eretta dal governatore di Trois-Rivières, Pierre Boucher. Fu dato nel 1661 alla nuova parrocchia di Santa Maria Maddalena, che inaugurò la devozione alla Madonna.

Cap-de-la-Madeleine fu creata una parrocchia il 30 ottobre 1867 dal Beato François de Laval, il primo vescovo di Québec City. Nel 1694 fu istituita una Confraternita del Rosario nella parrocchia. Il vescovo di Saint-Vallier, il successore di François de Laval, voleva sostituire la chiesa parrocchiale in legno con una chiesa in pietra, ma i parrocchiani dovevano chiedere l’aiuto finanziario degli altri insediamenti in Canada in quel momento: Québec City, Ville Marie (Montreal) e Trois-Rivieres. La Madonna stava già stabilendo le basi di un santuario nazionale.

Il “certificato di nascita” del Santuario della Regina del Santissimo Rosario è stato firmato il 13 maggio 1714 dal vescovo di Saint-Vallier, a Québec. È aperto al culto nel 1720 e, ad oggi, è la chiesa più antica del Canada che ha mantenuto il suo stato primitivo.

Fiorente all’inizio, la Confraternita del Rosario subì gravi insuccessi un secolo dopo, a causa della mancanza di zelo di un prete. La recita del Rosario è stata abbandonata, e alla fine i parrocchiani non sono nemmeno andati più alla santa messa la domenica. Privato della sua protettrice e di zelanti pastori, la morale della popolazione diminuisce, come la storia ha dimostrato in ogni paese.

Il 150 ° anniversario dell’Immacolata Concezione e della statua di Nostra Signora del Capo

La statua della Madonna del Capo sull’altare della chiesetta in pietra

Nel 1854, anno della proclamazione del Dogma dell’Immacolata Concezione della Vergine Maria, la Madonna ispirò Zefirin Dorval, un generoso parrocchiano di Cap-de-la-Madeleine, per donare al santuario una statua della Madonna come Lei è apparso a Catherine Laboure nel 1830. Questo evento è noto come l’apparizione della Medaglia Miracolosa. Mostra Maria SSma. senza il Bambino Gesù, le sue braccia distese verso il popolo, in piedi su un mezzo globo, il suo piede o calcagno schiacciando la testa del serpente. (cfr Gn 3:15). È una delle undici statue identiche fatte in Canada da uno scultore italiano sconosciuto. Il significato del cuore ardente di Maria SSma. è un amore ardente che batte in unione con il cuore di Suo Figlio e partecipa alla sua sofferenza.

L’altro elemento caratteristico della statua di Nostra Signora del Capo è la sua corona. Come vedremo in seguito, è stato aggiunto nel 1904 per commemorare il 50° anniversario della definizione dell’Immacolata Concezione. L’incoronazione onora ed evidenzia, in particolare, il carattere miracoloso della statua. Infatti, dal miracolo del ponte di ghiaccio del 1879 e dal prodigio degli occhi del 1888, questa statua della Madonna è stata considerata miracolosa.

Il compito del nuovo sacerdote, P. Luc Désilets, era di suscitare la languida fede dei suoi parrocchiani, che erano rimasti senza un parroco per più di un secolo. Quando arrivò, la popolazione di Cap-de-la-Madeleine era di circa mille persone. Un giorno qualcosa di strano attirò l’attenzione di padre Désilets. Stava tornando dalla sacrestia, dove aveva ascoltato le confessioni, e si fermò in chiesa per un momento a pregare. Era la vigilia della festa dell’Ascensione, nel 1867, ma la chiesa era vuota. All’improvviso, il prete fu sorpreso di vedere un maiale con un rosario tra i denti. Il pensiero gli venne spontaneo: “Il Rosario cade dalle mani degli uomini per essere raccolto dai porci”. Fu dopo questo curioso incidente che padre Désilets decise di propagare la devozione al Rosario, e si dedicò alla Madonna del Rosario il 5 novembre 1867.

A poco a poco, l’entusiasmo cominciò a risvegliarsi; e la sonnolenta fede scuoteva il suo letargo. La Società del Rosario godette di una rinnovata popolarità e la piccola chiesa del 1714, che poteva contenere a malapena un’assemblea di 60 fedele, divenne troppo piccola per la parrocchia. La gente cominciò a parlare di una nuova chiesa, la terza nella storia della parrocchia. Sfortunatamente, i soldi erano scarsi; Riguarda le pietre che serve per la costruzione, si trovava solo sulla sponda opposta del fiume San Lorenzo. Nondimeno, il progetto di una nuova chiesa fu approvato dai proprietari della chiesa nell’autunno del 1878. La pietra fu tagliata e vestita sulla riva meridionale, pronta per essere trasportata sul fiume ghiacciato una volta che l’inverno era tramontato. Ma l’inverno del 1878- 79 era temperato … e la parrocchia non poteva permettersi le spese di far trasportare la pietra attraverso le acque con le nave.

I proprietari hanno pensato di demolire la prima chiesa costruita nel 1714 e usare le pietre per costruire la nuova chiesa, ma Padre Desilets ha fatto questo voto alla Vergine Maria: “Se ci concedi il ghiaccio solido sul fiume per la festa di San Giuseppe, non distruggeremo la tua piccola chiesa e la dedicheremo al tuo santo Rosario “.

Il miracolo del ponte di ghiaccio nel 1879 per intercessione di San Giuseppe e Madonna del Rosario

La preghiera di Padre Desilets è stata concessa fin da subito. Ecco la testimonianza di Padre Duguay, il curato e assistente di Padre Desilets:

“Il 14 marzo un forte vento ha spezzato il ghiaccio bloccando la foce del fiume San Maurizio e sfiorando la riva settentrionale del San Lorenzo. Il ghiaccio rotto si spostò a valle nella baia di Cap-de-la-Madeleine, coprendo il fiume fino a una distanza di alcune centinaia di metri sotto la chiesa. Durante la messa, ho annunciato, a nome del parroco, che ci sarebbe stata una messa solenne il 19° di Marzo per presentare una petizione a San Giuseppe per un ponte di ghiaccio. Aggiunsi che, dopo i vespri, avrei accompagnato coloro che desideravano prospettarsi un passaggio fino all’altra sponda del fiume San Lorenzo.

“Quando abbiamo raggiunto l’area in cui il fiume era coperto, abbiamo visto che il ghiaccio alla deriva era sparso tra la neve fluttuante … Siamo avanzati sul fiume, scegliendo luoghi in cui i frammenti di vecchio ghiaccio sembravano essere più vicini. La distanza tra i banchi rotti variava considerevolmente. E così via siamo andati. Sig. Firmin Cadotte ha aperto la strada, con l’ascia in mano, una corda intorno alla vita, tenuta da Sig. Flavien Bourassa … per ogni evenienza!

 “Dopo varie punto di sosta nel cammino, ci siamo diretti verso il lastricato finale del vecchio ghiaccio. Deve essere stato a circa 1000 piedi dal ghiaccio costiero lungo la costa meridionale … Quando alzai lo sguardo, vidi che le mie due guide si erano spostate di circa 200 piedi: si erano resi conto che se fossero risaliti a monte, in diagonale, avrebbero potuto essere in grado di raggiungere il ghiaccio costiero che si estendeva dalla spiaggia di St. Angèle. Ancora in movimento, Sig. Firmin Cadotte colpì il ghiaccio sottile con la punta della sua ascia. Gli altri uomini ci hanno guardato mentre andavamo avanti, Ma non osavano seguirmi, così, alla fine, le mie due guide e io eravamo gli unici a raggiungere la sponda sud … “Sig. Firmin Cadotte stava strisciando in avanti, provando con la mano una striscia piccola o una chiazza di ghiaccio che prenderebbe il peso del suo ginocchio … Trenta uomini hanno lavorato lungo questo tratto di 1.600 piedi fino alle undici di quella sera, con solo tre lanterne per dare luce nel loro compito, che era quello di preparare una pista abbastanza larga per due carri per passarci l’un l’altro. Siamo tornati alle 23:00 della notte. Fermandomi vicino alla vecchia sacrestia, chiesi agli uomini: “Bene, qual è il prossimo passo?” Sig. Firmin Cadotte rispose: “Dobbiamo versare acqua sul ponte per renderlo più denso.” Alle tre del mattino della stessa notte, eravamo di nuovo al lavoro sul ghiaccio. La notte era nitida, considerando che era la fine di marzo, e il ponte era già abbastanza solido da poter camminare. “Il 18 marzo, alle 4 del mattino, il vento del nord ha soffiato forte e aveva spinto via le nuvole. Mandammo alcuni uomini a versare ancora acqua sul nostro ponte e di sciogliere la neve caduta durante la notte. Stavamo cominciando ad essere orgogliosi del nostro ponte. Quando lo provammo con un colpo di un’ascia, scoprimmo che era già spessa sei pollici. Ciò ha sollevato le speranze di successo di tutti. Avevamo incaricato Sig. Joe Bellefeuille e suo figlio di preparare blocchi di pietra di sei piedi ognuno. Mentre stavamo decidendo dove aprire la pista (c’era stata molta neve durante la notte), abbiamo visto la prima slitta arrivare sul nostro ponte. Era guidato da Joe Longval che era stato ansioso di portare il primo carico di pietre. “Il gruppo di lavoro, che era iniziato mercoledì 19, durò fino alla sera di mercoledì seguente … per domenica 175 slitte avevano attraversato il fiume … Avevamo trasportato circa mille metri di pietra lavorata, più pietra per le fondamenta. Ho ordinato una sosta per il lavoro, e nessuno si è impegnato a fare un altro viaggio. È stato davvero straordinario, un vero miracolo. Ha sfidato il buon senso. Lo chiamammo immediatamente Ponte del Rosario.

“Il Ponte del Rosario costruito nel 1924, in ricordo del miracolo del 1879

“Nel 1924, in ricordo di questo evento miracoloso, gli Oblati di Maria Immacolata, ora responsabili del Santuario di Nostra Signora del Capo, costruirono il “Ponte del Rosario”. lo stesso anno, il vescovo Cloutier lo benedisse solennemente e disse alla folla: “Quando si considera il modo in cui il ponte di ghiaccio si è formato in un momento in cui tutto sembrava disperato, i carichi sostenuti, e in particolare la crescita del pellegrinaggio da quel momento, non dovremmo attribuirlo a un intervento soprannaturale? È il Signore che l’ha fatto. Il miracolo del Ponte del Rosario nel 1879 afferma quindi in modo sorprendente la presenza di Maria al Santuario di Cap-de-la-Madeleine, se ci sono ancora dubbi a riguardo, scompariranno nel 1888, con un altro prodigio in atto.

Il Prodigio degli Occhi

La nuova chiesa parrocchiale di Cap-de-la-Madeleine è ufficialmente aperta al culto il 3 ottobre 1880, e negli anni seguenti, la vecchia chiesetta viene restaurata per essere dedicata alla Madonna del Rosario, come padre Desilets aveva promesso. Il 22 giugno 1888, la piccola chiesa viene ufficialmente consacrata a Maria e diventa così il “Santuario”. Padre Frederic Janssoone, un francescano, ha predicato il sermone appropriato quel giorno. Diventerà il primo direttore dei pellegrinaggi fino al 1902.

Dopo la S. Messa, la statua è stata presa dall’altare laterale e posta sull’altare maggiore, dove è rimasta da allora. D’ora in poi, l’antica chiesa parrocchiale di Sainte-Marie-Madeleine diventa il santuario ufficiale di Notre-Dame-du-Cap. Con questo gesto, furono finalmente resi i ringraziamenti per lo straordinario evento del ponte di ghiaccio. Alla fine di questa giornata di gioia e preghiera, i pellegrini sono andati via con tutta gioia del cuore. Niente fuori dall’ordinario aveva segnato le cerimonie … ma il giorno non si era ancora concluso, quando la sera arrivò in canonica un disabile di nome Pierre Lacroix. I padri Désilets e Frederic lo condussero nel Santuario per pregare davanti alla statua. Fu allora che ebbe luogo la “meraviglia degli occhi”. Ecco la testimonianza di Padre Frederic, che è stato pubblicato il 22 maggio 1897 in prima pagina del quotidiano di Montreal La Presse:

 “La statua della Vergine era stata scolpita con gli occhi abbassati. Adesso erano spalancati, a fissare. La Vergine stava guardando dritto davanti a lei, con gli occhi a livello. Non poteva essere un’illusione ottica: il suo viso era chiaramente visibile, illuminato dal sole che, brillando attraverso una delle finestre, riempiva di luce l’intero santuario. I suoi occhi erano neri, ben modellati e in perfetta armonia con il resto del suo viso. L’espressione della Vergine era quella di una persona vivente, allo stesso tempo severa e triste. Questa meraviglia è durata tra i cinque ei dieci minuti. “

E ora, la testimonianza di Pierre Lacroix: “Sono andato nel santuario verso le sette di sera. Ero con padre Luc Désilets e padre Frederic … Beh, stavo pregando, e poi ho dato un’occhiata alla Santa Vergine, proprio di fronte a me. Potevo vedere chiaramente che gli occhi della statua erano spalancati, ma sembrava naturale, come se stesse fissando sopra le nostre teste … Non ho detto una parola, ho continuato a guardare la statua, quando padre Désilets si alzò – lui era alla mia destra – e andò da padre Frederic. L’ho sentito dire: “Lo vedi?” – “Sì,” rispose padre Frederic, “la statua ha aperto gli occhi, vero?” – Sì, è così. Ma è davvero quello che vediamo adesso? “Così ho detto che avevo visto la stessa cosa, che l’avevo guardato per diversi minuti. E sto facendo questa solenne dichiarazione perché credo nel mio cuore e nella mia coscienza che è vero, e so che ha la stessa forza e l’effetto vincolante come se fosse stato fatto sotto giuramento “.

Padre Frederic morì il 4 agosto 1916. Un secolo dopo il “prodigio degli occhi”, fu beatificato a Roma da Papa Giovanni Paolo II il 25 settembre 1988.

Dopo aver comandato i venti e l’acqua, la neve e il ghiaccio, in modo da poter costruire un santuario in Suo onore, Nostra Signora del Capo mostrò il Suo apprezzamento per essere stata installata nel Suo santuario sotto il titolo di Nostra Signora del Rosario. Per Padre Desilets, questi occhi spalancati della Madonna significavano qualcosa di speciale, come quello che Dio aveva detto in passato al re Salomone:

“Ho ascoltato la tua preghiera e la tua supplica, che tu hai creato dinanzi a me: ho santificato questa casa, che hai costruito, per mettere il mio nome lì per sempre, ei miei occhi e il mio cuore saranno sempre lì”. (1 Re 9: 3).

Il 22 giugno 1888, alle 7 di mattina, in punto, la Madonna del Capo divenne, per espressa volontà di Maria, la Madonna dei Canadesi. In quel giorno, Padre Frederic dichiarò: “I pellegrini verranno da tutte le famiglie della parrocchia, da tutte le parrocchie della diocesi e da tutte le diocesi del Canada. Questa piccola casa di Dio diventerà troppo piccola per contenere le folle che verranno ad invocare il potere e la munificenza della dolce Regina del Santissimo Rosario. “

L’incoronazione del 1904

Nel 1898, 500 membri del Terzo Ordine Francescano dell’Immacolata Concezione di Montreal donarono a Nostra Signora del Capo, a nome dei loro connazionali irlandesi, un magnifico cuore d’oro e una ricca corona. Il cuore e la corona diventeranno inseparabili, poiché significano che Maria è sia madre che regina. Il cuore è trafitto da una spada e sormontato da un giglio, che rappresenta il cuore doloroso e immacolato di Maria.

La corona sarà utilizzata nel 1904 per il solenne incoronazione della statua di Nostra Signora del Capo, proclamata ufficialmente dalla Chiesa come la Madonna dei Canadesi.

Il valore simbolico di questa corona, fatta di oro, platino e diamanti da migliaia di gioielli offerti dai canadesi, è infinitamente superiore al suo valore materiale. Gli stemmi delle dieci province canadesi sono esposti intorno alla base e proclamano la Madonna del Capo come protettrice e protettrice di tutti i canadesi.

Era il Vescovo Cloutier di Trois-Rivieres che incoronò la statua nel 1904. Dichiarò ufficialmente come un miracolo il “Ponte del Rosario” del 1879, e riconobbe il carattere soprannaturale del prodigio degli occhi del 1888. Quindi affidò la cura del santuario ai Padri Oblati di Maria Immacolata.

Il 50 ° Anniversario della proclamazione del dogma dell’Immacolata Concezione crea un’atmosfera di straordinario entusiasmo mariano in tutto il mondo cattolico. In Canada, i cattolici sono felicissimi quando apprendono che il Papa ha deciso di incoronare la Madonna del Capo. L’incoronazione di una statua è molto significativa. Attraverso questo gesto, il Vicario di Cristo mette il sigillo della sua autorità apostolica sul culto dato a questa statua, i miracoli ad essa attribuiti, e la fama e la gloria che lo circonda. In America, solo la statua di Nostra Signora di Guadalupe aveva ricevuto un tale onore fino a quel momento.

Il giorno prima dell’incoronazione, il Delegato Apostolico, l’Arcivescovo Sbarretti, presiedeva la processione delle candele. Il giorno successivo, ha celebrato la Santa Messa, accompagnato da rappresentanti di tutto l’episcopato canadese. Gli arcivescovi Duhamel di Ottawa e Begin di Québec City lodarono, in inglese e in francese, le glorie della Nostra Signora del Capo. Il Santuario di Cap-de-la-Madeleine non aveva mai visto una folla così grande. Quindi il vescovo Cloutier, vestito con abiti pontificali, si sposta alla statua, accompagnato da padre Frederic, che porta la corona su un cuscino di seta. Il vescovo benedice la corona, la prende e, per conto di papa Pio X, la mette sulla testa di Nostra Signora del Capo. Nello stesso momento, salti e campane risuonano e la folla applaudivano. Con un decreto del Papa, Nostra Signora del Capo è diventata la Regina del Canada, la Madonna nazionale dei Canadesi. Per i prossimi 50 anni, la Regina del Rosario continua ad attirare folle sempre più grandi. Il picco della stagione di pellegrinaggio è il 15 agosto, per la festa dell’Assunzione.

Nel 1947, c’è un tour trionfale della statua pellegrina della Madonna in Canada. I fedeli vedono il giglio nel cuore della statua, iniziano a comprendere la devozione al Cuore Immacolato di Maria e si consacrano con entusiasmo a Lei. Durante il soggiorno della statua di Nostra Signora del Capo a Ottawa nel 1947, più di uno un milione di canadesi recitavano con fervore la preghiera di Papa Pio XII che consacra l’umanità al Cuore Immacolato di Maria, firmò la consacrazione e la mise ai piedi della Madonna. Il cuore di Nostra Signora del Capo ci insegna l’amore più bello dal cuore più bello: quello della nostra Madre Celeste.

L’anno mariano del 1954.

Nel 1954, l’Anno Mariano viene celebrato con fervore in tutto il Canada e raggiunge l’apoteosi nel Santuario di Nostra Signora del Capo, dove l’intera nazione si riunisce ai piedi della Regina del Rosario. Il centenario della definizione dell’Immacolata Concezione coincise con il giubileo d’oro dell’incoronazione di Nostra Signora del Capo nel 1904.

La statua incoronata nel 1954

Gli Oblati di Maria Immacolata prepararono a lungo in anticipo le celebrazioni di questo glorioso anniversario. Il vescovo Georges-Leon Pelletier di Trois-Rivières riuscì persino a ottenere da Roma, per l’occasione, un nuovo incoronazione della statua di Nostra Signora del Capo, la venuta di un legato papale, e un messaggio radio dal Papa stesso al Popolo canadese. Con voce unanime, tutti i Vescovi del Canada, da Terranova alla Columbia Britannica, hanno confermato la loro presenza per questa imponente cerimonia nel Santuario di Cap-de-la-Madeleine il 15 agosto 1954. Durante i dieci giorni precedenti Festa delle Assunzioni, ognuna delle dieci province canadesi ha avuto un giorno speciale di festa nel Santuario, ai piedi della statua della nostra Madonna nazionale. Alla vigilia della festa, ci sono stati 200 preti per ascoltare le confessioni nel santuario. Il 15 agosto la processione è guidata dal legato papale, il cardinale Vallerio Valeri, seguito da tutti i vescovi canadesi. Al termine della messa, il cardinale Valeri impartisce la benedizione apostolica a tutti i fedeli presenti, accompagnati con indulgenza plenaria, attraverso un privilegio del Santo Padre. Gli organizzatori di questa giornata indimenticabile hanno avuto l’idea di una sfilata di carri prima dell’incoronazione cerimonia. I galleggianti rappresentavano gli eventi mariani locali o nazionali nella storia canadese. I giornali locali hanno affermato che “nessuno può ricordare una tale dimostrazione a Trois-Rivieres”.

 

La cerimonia dell’incoronazione è avvenuta nel Parco delle Esposizioni di Trois-Rivieres. Il trono bianco su cui era collocata la statua era circondato da un arco di 35 piedi con le parole “Fulgens Corona” (in latino “corona radiosa”, il nome dell’enciclica di Papa Pio XII che proclamava l’anno mariano) e “A mari usque ad mare “(Da costa a costa), il motto del Canada e del Congresso mariano. La processione con i carri e i rappresentanti delle parrocchie è durata due ore. Dopo l’incoronazione della statua del cardinale Valeri, Cardinals Leger di Montreal e McGuiIligan di Toronto ha letto, nelle due lingue ufficiali del Canada, l’atto di consacrazione della nostra nazione al Cuore Immacolato di Maria.

Il cardinale Valeri incorona la statua.

Quindi, per ordine di anzianità, tutti i Vescovi del Canada sono venuti di fronte alla statua per presentare i loro pastorali. I due cardinali canadesi hanno quindi pronunciato un discorso sullo scopo sociale e spirituale della devozione a Maria. L’ultima parola era riservata al Cardinale Valeri, il legato pontificio, che esortava tutti a rimanere fedeli servitori di Maria, ed esprimeva i suoi migliori auguri per la salvezza e la prosperità della nostra nazione. Infine, il galleggiante con la statua della Madonna tornò al Santuario di Cap-de-la-Madeleine.

 

Il 10 settembre 1984, Papa Giovanni Paolo II celebrò una Messa all’aperto nel Santuario di Nostra Signora del Capo e disse: “Questo pellegrinaggio mariano è un’immensa grazia accordata al popolo canadese. Che il fiume della preghiera non si esaurisca mai qui. “Possano tutti i canadesi tornare alla recita del Rosario familiare, in modo che la Chiesa in Canada recuperi il suo splendore e la vitalità del passato! AMEN.

Fonte:

https: //www.michaeljournal.org/articles/roman-catholic-church/item/our-lady-of-the-cape