La Madonna del Giorno: March 17, 1697 – MADONNA D’IRLANDA nella Cattedrale di Gyer (Győr) – Ungheria

Durante i tempi difficili della persecuzione di Oliver Cromwell in Irlanda, uno dei vescovi costretti a lasciare l’Irlanda era il dott. Lynch, vescovo di Clonfert. Viaggiò per l’Europa e infine arrivò in Ungheria nel 1654. Fu benevolmente ricevuto da Giovanni Pusky, vescovo di Gyer, e alla fine divenne vescovo ausiliare della diocesi.

Dieci anni dopo, il vescovo Lynch progettava di tornare nella sua terra natale. Dio Onnipotente lo ha impedito; durante le sue ultime ore di vita donò al vescovo di Gyer il suo unico tesoro materiale: l’immagine della Madonna d’Irlanda. Come ricordo del vescovo irlandese, l’immagine della Madonna era appesa al muro della cattedrale di Gyer. Gli anni passarono. Durante la festa di San Patrizio (17 marzo 1697), mentre un gran numero di fedeli erano presenti nella cattedrale, si è svolto un evento di grande meraviglia. Dagli occhi della Beata Vergine dal quadro, lacrime di sangue rotolavano dalle sei del mattino fino alle nove del mattino (3 ore). Gocce di sangue cadevano sulle foto di Gesù Bambino. Mentre il sanguinamento continuava per tre ore, hanno usato varie asciugamani di lino, che sono ancora conservati sotto vetro nel suo santuario, per asciugare il sangue dalla faccia traspirante del sangue. Il punto sanguinante è ancora scarsamente visibile sul tessuto di lino conservato. Un professore di chimica a metà del 1900 ha avuto il permesso di esaminare chimicamente una particella dalla vena più scura rimossa dal lino e il test chimico ha scoperto che quello che avrebbero dovuto essere era una miscela di lacrime e sangue umano reale.

Su uno sfondo scuro, la Madonna guarda il bambino addormentato su un lettino, ben nascosto tra due lenzuola e un broccato rosso spalmato, con la testa su due cuscini. Il suo petto e le sue braccia sono nudi. Indossa un velo grigio rosato su capelli castani e un mantello blu sopra un accappatoio di terracotta. L’immagine raffigura Maria incoronata come regina e davanti a lei, sdraiata su diversi cuscini circolari, c’è il Bambino Gesù, anch’esso incoronato come Piccolo Re, coperto di vesti regali.

Negli archivi della cattedrale di Gyer, c’è un documento scritto nel 1697 su pergamena, relativo a questo evento. È firmato non solo dal clero e dai laici che erano presenti alla Messa, ma dal sindaco e dai consiglieri, i governatori, i predicatori luterani e calvinisti, un rabbino, oltre cento firme rappresentano testimoni oculari del miracolo. Nel 1767, la Vergine Maria piangente fu ambientata in una magnifica pala d’altare barocca. Nel 1874, Papa Pio IX concesse un’indulgenza plenaria alle feste di San Patrizio e dell’Assunzione, dinanzi alle quali si svolgono le novene pubbliche.

Nel 1913 l’arcivescovo Schrembs di Toledo, visitò Gyer in Ungheria. Ha visto il bellissimo dipinto ed è stato profondamente commosso quando ha parlato del meraviglioso evento. Ha richiesto una copia per i molti cattolici irlandesi nella sua diocesi che sarebbero felici di apprendere la storia e di possedere l’immagine di Nostra Signora d’Irlanda. La copia è stata posta faccia a faccia con l’originale e poi consegnata a Bishop Schrembs. Il 23 agosto 1914, l’arcivescovo Schrembs dedicò la nuova chiesa di Santo Stefano a Toledo, nell’Ohio. Il popolo ungherese aveva pagato circa i 2/3 delle spese dell’edificio. Il vescovo ha presentato la Madonna a questa chiesa, dicendo: “Sono convinto che il quadro sarà apprezzato in una Chiesa ungherese tanto quanto lo sarebbe in Irlanda e in Irlanda.” Sia gli ungheresi che gli irlandesi erano entusiasti.

 

fonti:

http://www.ourladysrosarymakers.com/Marysfeastsmarch.html#anchor_83

http://gyor.egyhazmegye.hu/egyhazmegyenk/tortenet/konnyezo-szuzanya-bucsuja (Informazioni dalla Diocesi di Gyor)

http://www.wherewewalked.info/feasts/03-March/03-17.htm